bambini,ragazzi,letture per bambini,genitori letture bambino,kids,catalogo bambini,biblioteca ragazzi,biblioteca bambini,nati per leggere,ascoli piceno, macerata,fermo

Biblioteche Scolastiche

Il Polo Marche sud ospita attualmente oltre 30 biblioteche scolastiche, delle quali 5 diffuse nel territorio provinciale di Ascoli e Fermo e 25 nel territorio della provincia di Macerata.

LA RETE DELLE BIBLIOTECHE SCOLASTICHE DELLA PROVINCIA DI MACERATA

Le biblioteche scolastiche del territorio maceratese sono organizzate in una Rete provinciale, costituita fin dal 2003,su iniziativa dell’Istituto Tecnico Agrario “G. Garibaldi “ di Macerata.

Grazie ad un lavoro di relazioni e accordi realizzato dal dirigente di allora e da alcuni insegnanti, è stato avviato il progetto di costituzione di una Rete delle Biblioteche Scolastiche della provincia di Macerata entrata a far parte in seguito della Rete Regionale delle Biblioteche Scolastiche delle Marche.

Il progetto poggiava sulla convinzione del valore e della centralità della biblioteca scolastica che contiene un patrimonio in alcuni casi unico ma che è, spesso, ritenuta solo un magazzino di libri polverosi e inutili. Alla base del progetto c’era, e c’è ancora, la passione per la lettura e per i libri, il desiderio di far diventare la biblioteca fulcro dell’attività didattica, mezzo di potenziamento, un luogo piacevole dove soprattutto gli alunni possano ritrovarsi per prendere confidenza con i libri di ogni genere, sfogliare e leggere riviste e quotidiani, usare internet e metodologie informatiche avanzate.

Si voleva anche realizzare un catalogo generale on-line del patrimonio documentario esistente, con l’obiettivo di fare in modo che chiunque potesse collegarsi via Internet e cercare un testo in tutte le biblioteche delle scuole maceratesi e della provincia: un obiettivo ambizioso ma molto importante per non disperdere la grande ricchezza di materiale spesso sconosciuto.

La Rete Regionale è stata per diversi anni attiva e ha goduto di una certa visibilità grazie anche alla promozione di varie attività comuni e alla apertura di un sito internet, poi è andata perdendo valore soprattutto per mancanza di fondi.

Attualmente la Rete delle Biblioteche Scolastiche della provincia di Macerata è l’unica rimasta attiva nel territorio, costituendo una realtà assai rara anche nel panorama nazionale, nonché un sistema bibliotecario di risorse e servizi in rete.

Le scuole in rete per diversi anni hanno catalogato il proprio patrimonio con il software WINIRIDE, prima imposto dal progetto di promozione delle biblioteche scolastiche avviato nel 2000 dal ministro Berlinguer e poi mantenuto perché di facile utilizzo da parte di docenti inesperti e non continuamente impegnati nella catalogazione, gratuito, aggiornato e supportato dall’Indire.

Nel 2014 circa 50.000 dati erano stati riversati nell’OPAC regionale.

All’inizio del 2015 il progetto Winiride è stato improvvisamente chiuso dall’Indire, a questo punto il comitato di gestione della Rete ha ritenuto necessario percorrere una nuova strada per non perdere tutto il lavoro faticosamente fatto, valutando la possibilità di adottare un software diverso, in particolare Sebina, usato di preferenza in tutte le strutture bibliotecarie non scolastiche.

Nell’anno scolastico 2016-2017 (febbraio 2017) è stata firmata una convenzione tra il Centro d’Ateneo per i Servizi Bibliotecari dell’Università di Macerata e la Rete delle BbSs (rappresentata dall’Istituto Tecnico Agrario come scuola capofila) per l’ingresso nel polo SBN maceratese. L’adesione al polo ha reso la rete a tutti gli effetti in un sistema di servizi ed informazioni coordinate.

Le biblioteche hanno ricevuto visibilità dal portale Biblìo, accesso ai servizi di front office e del “Mio Spazio” ed hanno avuto la possibilità di partecipare ai corsi di formazione organizzati dal gestore tecnico.

22 docenti sono stati formati, hanno ricevuto uno spazio ed una password ed hanno iniziato l’attività di catalogazione con il software Sebina Open Library, sia pure con varie difficoltà : le scuole della Rete hanno situazioni e risorse diverse, a volte molto limitate, molte si trovano ancora a dover affrontare disagi e restrizioni legate al sisma, alcune devono riallestire la propria biblioteca e sono impossibilitate ad utilizzare l’applicativo e le piattaforme. Se non in rarissimi casi, inoltre, non esiste un personale dedicato solo alla biblioteca, quindi l’attività di catalogazione di docenti bibliotecari è irregolare e non sempre consistente. Alcuni Istituti, come l’I. I.S. “ Mattei” di Recanati, grazie anche ad una particolare sensibilità del dirigente, per accelerare la catalogazione del proprio patrimonio si sono rivolti a catalogatori professionisti.

A giugno del 2018 la Rete delle BbSs della provincia di Macerata è entrata a far parte del Polo Marche Sud nell’ambito del progetto di riorganizzazione del Sistema bibliotecario Regionale.

La Rete ha sempre cercato di promuovere la lettura, sia garantendo alle scuole almeno un incontro all’anno con il narratore Simone Maretti, sia collaborando con i Comuni e le Biblioteche dei vari paesi della provincia, con "Nati per Leggere" e associazioni quali l’associazione conTESTO; sono stati promossi corsi di lettura per docenti e alunni, raccolta di libri usati, gare legate alla lettura dei libri quali tornei di lettura , caccia al tesoro, concorsi per booktrailer.