opac, catalogo, online,servizi, biblioteca, sebina

CAMERINO - Biblioteca comunale Valentiniana

Via Madonna Delle Carceri (Rotary Palace)

62032 Camerino

Contatti:

Referente: Erio Dolciotti

Tel.: 0737 632394

Fax: 0737 632394

E-Mail: biblioteca.valentiniana@camerino.sinp.net

Facebook

Servizi:

Accesso disabili: Accesso totale

Note:

A seguito degli eventi sismici del 2016 la sede della biblioteca è inagibile ed i servizi sono sospesi.

Orari

Causa eventi sismici i servizi sono sospesi.

dal 01/01 al 31/12

Lunedì:
08:00 - 14:00
Martedì:
08:00 - 14:00
Mercoledì:
08:00 - 14:00  / 15:00 - 18:00
Giovedì:
08:00 - 14:00  / 15:00 - 18:00
Venerdì:
08:00 - 14:00

Altre informazioni

 

SERVIZI OFFERTI:

Scaffali aperti


Prestito Interbibliotecario


Attività di reference


La Biblioteca Valentiniana, fondata nel 1802 dal bibliofilo Sebastiano Valentini, a seguito della unificazione del Regno riceve i patrimoni librari, alcuni messi insieme a partire dal medioevo, delle congregazioni ecclesiastiche stabilite in città e soppresse per le leggi eversive. Qualificata a partire dalla sua istituzione anche come biblioteca centrale dell’Università di Camerino, diventa destinataria fino al primo decennio del Novecento - quando decollano le biblioteche universitarie di istituto - anche di gran parte delle acquisizioni disposte dalle Facoltà di Giurisprudenza e Medicina allora attive nell’Ateneo locale. Il patrimonio librario attuale - costituito da centinaia di manoscritti ed incunaboli, circa diecimila cinquecentine, molte decine di migliaia di volumi italiani e stranieri, soprattutto di taglio scientifico, risalenti ai secoli XVII-XX - rende la biblioteca un’istituzione di richiamo soprattutto per ricercatori di alto profilo scientifico, particolarmente interessati alla storia della letteratura, del diritto, dell’architettura, della medicina, delle scienze in genere. Per questa sua caratteristica pressoché quotidiani sono i contatti della Biblioteca con studiosi di varie nazionalità. Rilevante il materiale bibliografico, acquisito soprattutto negli ultimi anni, relativo al territorio camerte e più genericamente marchigiano, interessante per gli studiosi che svolgono ricerca sulle istituzioni e sui beni culturali che Camerino espresse nel corso dei secoli.