Biblio Marche SUD,biblioteche Marche,Marche,catalogo,OPAC,ebook,libri,Macerata,ascoli,fermo,biblioteche macerata,biblioteche fermo,biblioteche ascoli,lettura,università macerata

PORTO SAN GIORGIO - Biblioteca civica 'Gino Pieri'

Corso G. Garibaldi, 140

63822 PORTO S. GIORGIO

Contatti:

Referente: Milena Pantaloni

Tel.: 0734671019

Fax: 0734671019

E-Mail: biblioteca.g.pieri@comune-psg.org; biblioteca@comune-psg.org; milena.pantaloni@comune-psg.org;

Facebook

Web: https://www.facebook.com/pages/category/Library/Biblioteca-Civica-Gino-Pieri-796791817151879/

Servizi:

Wi-Fi : Gratuito - 2 postazioni Internet

Accesso disabili: Accesso totale

Note:

Direttore: Fabrizio Annibali

Orari

dal 02/01 al 31/12

Lunedì:
9.00 - 12.30  / 15.30 - 19.00
Martedì:
9.00 - 12.30  / 15.30 - 19.00
Mercoledì:
9.00 - 12.30  / 15.30 - 19.00
Giovedì:
9.00 - 12.30  / 15.30 - 19.00
Venerdì:
9.00 - 12.30  / 15.30 - 19.00

Altre informazioni

Visite guidate su prenotazione.

La Biblioteca Civica “Gino Pieri” di Porto San Giorgio ha unastoria articolata. Nata nel 1943 da una donazione di circa 2000 volumi del prof. Gino Pieri, clinico illustre, vice Presidente onorario della Società Operaia di Mutuo Soccorso, come Biblioteca per i soci, viene subito iscritta alla Federazione Nazionale della Biblioteche Popolari. Nello stesso anno si arricchisce con la donazione di Francesco Egidi.
Durante il conflitto mondiale rimane chiusa per cinque anni e riapre regolarmente il 1° settembre 1948, dopo essersi arricchita con i volumi della biblioteca personale del prof. Pieri, lasciati al sodalizio con atto notarile del 28 agosto dello stesso anno. Un anno dopo il responsabile bibliotecario Libero Zubini, confortato dalla crescente affluenza, soprattutto giovanile, al prestito scrive al prof. Pieri per avere ancora un donativo librario di autori stranieri in special modo inglesi, libri scientifici e per ragazzi. 
Nel 1960 un passaggio fondamentale: l’Amministrazione Comunale, destinataria della donazione del prof. Mario Collina e il Consiglio Direttivo della Società Operaia decidono di stipulare una convenzione contemplante la messa a disposizione congiunta del proprio patrimonio librario per la crescita morale e civile della comunità sangiorgese. A conferma dell’accordo il 18 aprile 1961, nella rinnovata sede della Società Operaia,  vengono inaugurati i locali destinati alla Biblioteca cittadina.
Da quella data, l’impegno sottoscritto è stato onorato dalle due Istituzioni con successive conferme della stipula.
Associata all’Ente Nazionale Biblioteche Popolari e Scolastiche, la Biblioteca sangiorgese riceve, il 9 aprile 1974, il 2° premio della Regione Marche per la sua notevole consistenza libraria (circa 14.000 volumi). Questa consistenza, per i numerosi fondi acquisiti dalla Società Operaia (Gino Pieri, Circolo Cittadino, ENAL, Antonio Cardarelli, Cesare ed Adolfo Alessandri, Guglielmo e Max Salvadori, Joyce Salvadori Lussu, Raul Sagramati, Regione Marche, Guerriero Coleffi, Piero Merlino, Gino Nibbi, Gabriella Capesciotti, Donatello Serrani, Simone Sisi, M. Giuditta Borsoni-Ciccolungo, Fernando Cognigni, Athos Fileni, Fabrizio Annibali, Eligio Vitale de L’Aquila, Adriano Palmieri, fam. Romanelli-Mattioli, Saverio e Francesco Pesci, Renzo Petrozzi, Primo Bulgini, fam. Silvetti, M. Teresa Buschi-Sandro Renzi, Pompeo Pompei, Ego Polimanti, Benito Moriconi, Cristina D’Audino Giovannetti, Dario Rocchetti, Eligio Vitale de L’Aquila, Dionigi Torchia di P. S. Elpidio, Fulvia Albertelli di Brescia, Mario Pennesi di Ferrara, Luigi Francucci di S. Benedetto del Tronto, Romolo Marcantoni di Fermo, Eda Monterubbianesi di Petritoli e moltissimi altri) che dichiarano una notevole valenza documentaria, storica e scientifica e per i numerosi acquisti mirati a soddisfare un bacino di utenza in continua espansione, con aggiornamenti in itinere, è cresciuta in maniera esponenziale: ammontava a circa 36.000 negli anni ’80; oggi siamo agli 80.000 volumi. Cifra importante nel panorama bibliotecario regionale.
Con la crescita della dotazione libraria e con il trasferimento della Biblioteca nella nuova sede di proprietà comunale (22 aprile 2006), si è avuta una notevole espansione del numero degli utenti annuali, che attualmente ha raggiunto le 10.000 unità.
La Biblioteca è stata una delle prime ad affrontare il problema dell’informatizzazione con il Se.Bi.Na. ed è stata la prima, nell’ambito della Provincia di Ascoli Piceno, a progettare e mettere in atto l’addestramento del personale finalizzato alla catalogazione informatica. Infatti, dal 5 maggio al 30 giugno 1994, programmò un corso specifico tenuto dalla dott.ssa Annalisa Piersanti e dall’ing. Dalmo Federici, partecipando così  attivamente al decollo di tale sistema. L’appartenenza attuale al S.I.P. (Sistema Interprovinciale Piceno) le garantisce la fruizione di ogni opera esistente sul territorio nazionale, rendendo altresì operante il prestito interbibliotecario.
Dal 2001 organizza, insieme alla Biblioteca “Romolo Spezioli” di Fermo, il servizio estivo Bibliobus – Libringiro per attivare il prestito gratuito ai turisti presenti sul litorale sangiorgese-fermano.